Friends For Free


Che la diaspora continui
luglio 24, 2006, 12:24 am
Filed under: Politica

Israele-LibanoSo che con questo mi tirerò dietro le ire e le critiche di una buona parte degli intellettuali e degli idealisti che capiteranno su questa pagina.

(Immagine a lato di Cisano Carmelo)

Premetto che non sono razzista.
Non sono antisemita e non ho nulla contro i fratelli ebrei. Ma ho tutto contro la ‘politica estera‘ Israeliana.

Ho apprezzato molto un articolo della giornalista de il Manifesto, Luciana Castellina, pubblicato il 18 luglio 2006 che ho potuto leggere sul blog di Tortora, Mondo Liquido.

L’articolo porta un titolo che esprime una grande verità: La solitudine di Israele.

La giornalista esprime le opinioni di molti che non vogliono o non sanno come esporle, se possono o meno parlare senza che il filosofo di turno li additi come razzisti!

Incredibile ma vero: non essere d’accordo con la politica di uno stato
NON E’ RAZZISMO!

Oggi Israele può anche essere accettato politicamente e diplomaticamente dalla maggior parte delle nazioni al mondo (anche chi lo vede, più che altro, come una questione di comodo) ma la possibilità d’essere accettato culturalmente e umanamente si sta allontanando sempre più.
Si sta allontanando non dall’Italia o dall’Europa in generale che più di tanto, nel bene o nel male, la situazione è solo una serie di immagini al TG. Si sta allontanando proprio in quel punto del globo dove è invece importante accettazione ed approvazione.

Immaginate di vivere al fianco di uno stato che, per le azioni compiute nel suo passato, si sente sempre aggredito e minacciato. Uno stato che per esistere ha occupato un’altra nazione e confinato i suoi legittimi abitanti in ghetti e campi di raccolta. Uno stato che non rispetta le risoluzioni dell’ONU ma che pretende che gli altri le rispettino. Ha l’atomica quando tutti, nazioni unite comprese, condannano chi la possiede. Aggredisce militarmente ed occupa territori. Magari porta via proprio la tua casa, quella dove vivi con la tua famiglia e i tuoi bambini.

Personalmente non ammetto che con la scusa di salvare 3 militari rapiti ma probabilmente ancora vivi (sapevano i rischi che correvano quando si sono arruolati) Israele abbia, fino ad oggi, ucciso più di 300 persone di cui molti bambini!
Quanti di quei bambini che si salveranno, quando saranno cresciuti, potranno accettare un pericolo pubblico come nazione confinante? Quando una mezzaluna o una croce (il Libano è al 30% Cristiano) giocherà con una stella di Davide?
Si sta uccidendo il futuro.

Ehud Olmert sta ponendo le basi per la fine definitiva del suo stato, sta uccidendo quel sogno tanto accarezzato da secoli dai figli di Abramo.
Capisco e appoggio il fatto che il popolo ebraico voglia un propria nazione, la terra promessa, ma se lo stato che vogliono è emule della Germania di Hitler allora no, che la diaspora continui!

Voglio terminare con la chiusura dell’articolo citato:

E’ vero: Israele e’ sola. Avere dalla sua il paese piu’ potente del mondo, e con esso i suoi vassalli – media governi imprese – non riduce il suo isolamento. A chi sta a cuore salvare questo stato deve smetterla con questa mortifera, pericolosa, cieca solidarieta’.

Annunci

24 commenti so far
Lascia un commento

Concordo in tutto e per tutto.. Con lo spauracchio di additare qualcuno come antisemita o fautore dell’olocausto.. si crede che Israele possa fare tutto quello che vuole!
Stanno morendo bambini.. cosa può valere questo? Quel’è il prezzo giusto? Esiste?

Commento di Beppone

che gran casino laggiu’! io, come tanti altri credo, mi sono sempre chiesta a chi sia venuto in mente di costituire uno stato li’…

Commento di dearwanda

Agli inglesi, è venuto in mente di costruire uno stato lì, se non mi ricordo male.

Prima della Seconda Guerra Mondiale, poi alla fine della guerra la Gran Bretagna in bancarotta ha lasciato tutto il casino in mano all’ONU…

Io speravo che con quell’orribile muro di protezione la situazione si potesse stabilizzare, almeno per i kamikaze, ma adesso che hanno iniziato a lanciarsi i missili a casaccio…non so più che pensare :(

Commento di coneja

Beh, decidendo di trattare un argomento come questo ti sei addentrato in un territorio cosparso di mine antiuomo (o su un tappeto di cazzi – che dove caschi caschi te lo pigli… ci siamo capiti…). Ma già lo sapevi e conoscendoti ci godi.
Ti ho già detto come la penso via messenger, ma ribadisco la cosa qui, ché forse ha più senso… ;)

Premetto: parlo da comune osservatore e nemmeno ferrato sull’argomento. Quindi chiedo scusa per le mie idee probabilmente viziate da un’ignoranza di fondo.
Mi perplime questa frase: “Oggi Israele può anche essere accettato politicamente e diplomaticamente dalla maggior parte delle nazioni al mondo (anche chi lo vede, più che altro, come una questione di comodo) ma la possibilità d’essere accettato culturalmente e umanamente si sta allontanando sempre più”.
Ora, IMHO diplomaticamente Israele può essere accettato, nella sua esistenza. Culturalmente può e deve esserlo, giacché la sua cultura non deve essere quella di Sharon e Olmert. Umanamente, non avrebbe senso porsi il problema: uno stato non puoi accettarlo o non accettarlo umanamente, è un’entità troppo astratta. Politicamente è una vera frittata: credo non si possa e non si debba in alcun caso accettare la sua linea politica. Solo che poi, a viverci a fianco come dici tu, la politica va ad influire sulla visione culturale ed umana del popolo israeliano e – di conseguenza – su quella dello stato stesso.
Però non viviamo nei Territori e secondo me abbiamo il dovere morale di vedere le cose con un certo distacco. Questo non implica che si deve fare spallucce, ma solo che bisogna distinguere fra i vari piani e cercare di capire che dietro a Olmert c’è anche un popolo che soffre e che non necessariamente è d’accordo con lui, così come, per usare il tuo paragone, dietro a Hitler c’era un popolo che non lo appoggiava nella sua totalità. Una maggioranza, forse. Che avrà pure i suoi motivi, giusti o sbagliati che essi siano. Però, e su questo credo che la tua citazione finale sia azzeccatissima, finché ci sarà un appoggio acritico e di comodo/convenienza a questa politica non credo ci sia spazio per poter cambiare le cose.

Commento di kendalen

C’è poco da stare allegri. La tua disamina è giusta. In più, il problema semmai è un altro ancora. Non quello che sta accedendo adesso, seppur gravissimo, non mi fraintendete, ma quello che potrebbe succedere da qui a pochi anni. Qual è il futuro del medioriente? Io credo che non esista più un futuro con questi presupposti. Se poi si pensa che l’Iran, presto o tardi, la sua bombetta atomica se la costruira’, allora con tutto l’odio riversato nella zona, si che si potrebbe scatenare una delle peggiori catastrofi mai realizzate dall’uomo.
Si stanno avvelenando i pozzi.

Commento di tackutoha

un mio caro amico andò molti anni fa in Terra Santa. aveva sentito parlare della questione mediorientale, come tutti noi. visitò così anche le zone dove vivano i palestinesi. mi disse che Israele stava praticamente facendo quello che gli ebrei subirono in Germania.
dove ci sono confini tirati con il righello non ci può essere pace.

Commento di pachiderma

ma allora ci sei…aspe che leggo e ritorno!!!;o)

Commento di sonia

Io sinceramente ne ho piene le scatole di sentire sempre di sti popoli che si ammazzano e che ammazzano! In tutti questi anni non é possibile chevvono ancora da “primitivi”! Sono insopportabili!
Giusto come dici,vanno proprio ad ammazzare i bambini che proprio loro sono il futuro!Io sinceramente non riesco più nemmeno a sentire più il TG che parlano continuamente di queste notizie! È insopportabile!! Secondo me qualquno vuole dire basta potrebbe farlo,ma purtroppo ci sono sotto sicuramente molti interessi!

Commento di sonia

URCA! ma hai visto che commento ho scritto?!?! Da rabbividire…ma lo lascio in ricordo del fatto, che mentre stavo leggendoil tuo post mi stavano massacrando le zanza sulle gambe!8o(

Commento di sonia

X tutti appena ho un attimo di tempo, in una pausa, rispondo a tutti. Grazie dei commenti, ho letto cose molto interessanti!

Commento di Düsseldorfer

Sono d’accordo su tutta la linea.
Penso che questa sia, tra le altre cose, la maniera migliore per alimentare l’odio e il risentimento nelle nuove generazioni, quelle che sono già o stanno per rimanere senza casa, senza famiglia e con un paese da ricostruire.
Quindi, praticamente, la storia infinita.

Commento di Eulinx

Non preoccuparti düss, fai pure con calma…noi non scappiamo!Buona giornta..te lo dico qui perchè da me oggi non si può!Non lo vedresti nemmeno!

Commento di sonia

la causa scatenante non sono i 3 soldati rapiti ma la pioggia di missili che dal sud del Libano arriva su Israele. Missili accumulati in violazione di una risoluzione ONU. Nonostante i tentativi dei media di massa di risolvere la questione Mediorientale in uno scontro tra buoni e cattivi (e non importa chi siano i buoni, ebrei o arabi fa lo stesso) i problemi rimangono e la guerra pure. Non tutto laggiù è come sembra. Le zone grigie sono molte così come gli interessi in gioco.

Commento di Simone da Roma

“Dieci palazzi di Beirut abbattuti per ogni missile lanciato su Haifa. È la rappresaglia ordinata dallo Stato maggiore israeliano contro i quartieri meridionali della capitale libanese, roccaforte di Hezbollah. A riferirlo alla radio militare un´ufficiale dell´aviazione che racconta come a dare l´ordine sia stato lo stesso capo di Stato Maggiore: «Il generale Dan Halutz ha ordinato di distruggere dieci immobili di più piani nei sobborghi meridionali in risposta a ciascun lancio di missili su Haifa». L’Unità”

Dopo le ovvie smentite:
«Sono felice della smentita ma parliamo di palazzi e non di persone – è infatti la dichiarazione di Riccardo Pacifici, esponente della destra e portavoce della Comunità ebraica di Roma – chi vuole mettersi in salvo può farlo perché‚ l’ aviazione israeliana avverte prima di bombardare».

Non mi sento di aggiungere altro.. se non che i figli delle vittime del nazismo si ripropongono di usare gli stessi metodi…

Commento di Beppone

Beppone: benvenuto! :)
Grazie per il tuo commento! Il problema è prorpio questa accondiscenza nei confronti di Israele. Bisognerebbe fargli mettere la testa a posto.
Il fatto è che gli USA non ne hanno interesse, quindi…

DearWanda: storicamente gli ebrei hanno sempre considerato la palestina la terra promessa.
Era stato offerto un territorio, anche ricco, nella zona africana (se non erro) per la costruzione dello stato di Israele ma nulla. Lo hanno voluto li e quindi che fai? non li accontenti. Usa, GB e Francia hanno dato il loro ‘permesso’ e via, il danno ha avuto inizio.

La domanda è correta, dearwanda: perché proprio li?
Semplice. Questo è il passo della bibbia che giustifica gli ebrei, reduci dalla persecuzione nazista, a occupare la Palestina:
“Guarda la terra di Canaan, dice il Signore, che io darò in possesso ai figli di Israele… questa è la terra che io giurai ad Abramo, a Isacco e a Giacobbe dicendo ‘Io la darò alla tua progenie’
Il 14 maggio 1948 lo stato dei figli di Abramo, Isacco e Giacobbe iniziò la sua vita!
…giustificati dalla bibbia!

coneja: gli inglesi hanno avuto notevole peso in questo.
Un muro era già stato costruito a Berlino ma per 50 anni ha solo diviso.
Il muro di Israele non solo serviva a dividere ma anche a fomentare l’odio.
Cosa speravano? Di proteggersi con un muro? Perché non mettere la testa sotto la sabbia per non guardare i ‘nemici’ allora! Sarebbe stato più economico!

kendalen: per accettare umanamente Israele intendevo che la presenza di Israele e degli Israeeliani deve essere ‘benvenuta’ in maniera naturale!
‘Però non viviamo nei Territori e secondo me abbiamo il dovere morale di vedere le cose con un certo distacco’ Sono più che d’accordo, noi dovremmo essere in grado di vedere la questione con più distacco, anche se difficile. Solo così possiamo usare la nostra influenza. Ma purtroppo troppa gente ancora se ne frega e cambiando canale il problema sparisce!

tackutoha: concordo in pieno. Si stanno avvelenando i pozzi e questo è solo l’inizio.
Se continua così in quell’aerea (che è dietro casa nostra se ci fate caso sulla cartina del mondo) le cose non potranno che peggiorare.
Credo che Israele si stia tirando addosso non solo le ire degli arabi, ma ora ha come unico compiacente solo gli USA. Finalmente, per la prima volta, l’Europa intera ha criticato questa stupida mossa.
Il diritto di difendersi? Ok, legittimo ma non bisogna prima provocare, e che poco ce la menino con gli Hezbolla!

pachiderma: diciamola chiaramente. Hanno costruito Campi di Concentramento per Palestinesi.
L’unica occasione da noi per vederli è stata la visita in Palestina del vecchio pontefice. Li il governo di Tel Aviv non ha potuto impedire alle telecamere vaticane di riprendere lo scempio!

sonia: esatto, hai detto giusto: CI SIAMO ROTTI!
Certo che ci sono interessi, Italia e USA sono i maggiori fornitori di armi al mondo ed il governo Israeeliano è un cliente mica da poco!

Eulinx: si, è proprio una storia infinita. Generazioni che si odieranno e magari non sapranno neanche il perché tutto è cominciato!

Simone da Roma: per cominciare benvenuto Simone!
E’ vero, dal Libano arrivano dei missili sul nord di Israele.
Faccio solo notare che: i missili hanno cominciato a lanciarli dopo che Israele ha attaccato le tre citta principali del Libano; Colpiscono solo due cittadine al nosr di Israele, cittadine che possono essere rapidamente evacuate ma non viene fatto.
La forza Hezbolla è scarsa, ridicola e limitata, la forza Israeeliana è, in confronto, enorme. Hanno distrutto tutte le città principali del Libano da nord a sud e tutti i collegamenti. Come scusa, i missili dei ‘terroristi’ (da vedere chi sono i veri terroriscti) sono una scarsa scusa.

Commento di Düsseldorfer

beppone: Grazie per questo tuo commento.
Ricordi sui libri di scuola?
10 ebrei/italiani/francesi/ecc morti per ogni soldato tedesco colpito!
Bisogna dire che hanno imparato molto dalla storia.

Possono scappare? E’ dove cazzo vanno? e chi ha bambini piccoli, parenti su una sedia a rotelle o in un letto?

Commento di Düsseldorfer

Gli Hezbollah colpiscono una vasta area del nord israeliano, e come fai notare, è difficile evacuare delle zone per giunta sottoposte ad un bombardamento. All’attacco son passati hezbollah ed hamas che sono organizzazioni terroristiche a tutti gli effetti prezzolate da Siria ed Iran. Gli Hezbollah non sono espressione del governo libanese che vive costantemente sotto la minaccia di un’invasione siriana. Non è una scusante l’essere scarsi di mezzi militari (ammesso, e non concesso, che lo siano). C’è poi il rovescio della medaglia. Il fatto che Israele bombardi il nord del Libano facendo saltare in area le infrastrutture oltre che “sproporzionato” e controproducente (favorisce gli Hezbollah) è anche un po’ da str…
Ciao

Commento di Simone da Roma

“Si sta uccidendo il futuro”: questa frase è la summa del mio pensiero, ciò che ho provato e sentito davanti a questi eventi.

Commento di gidibao

Düss: Notte a presto!! :o)E grazie ancora per la tua bellissima presenza!

Commento di sonia

Tutto molto interessante.
Io mi limiterò a fare la cassandra..
Qualcuno diceva che una volta che verrà decretata la pace davanti a tutto il mondo, israele sarà colpita inaspettatamente nella notte e la risposta risulterà tremenda (atomica?).
Da quel momento ci sarà il buio x tutti…

Commento di Nostradamus

Quel che io temo ha un nome che mette i brividi: Terza Guerra Mondiale.
E non sò a quanta distanza è oggi per via di questa escalation.

Commento di Giast

Düss vai da wanda che ho lasciato un post anche per te…in quello dove c’è la bomba atomica!

Commento di sonia

Simone da Roma: grazie mille, apprezzo molto le informazioni che condividi con noi!
Non posso che reputarmi d’accordo in tutto!

gidibao: verissimo gidi, una delle cose più terribili che possano succedere è uccidere il futuro.
Come quell famiglie che si odiano perché i bis-nonni avevano litigato per una fesseria!
Qui è gravissimo! GRAVISSIMO!

sonia: sei dolcissima! :)
Grazie anche a te per la tua stupenda presenza!

nostradamus: speriamo non vada così caro nostradamus, speriamo.
Anche se mi sa che stavolta rischi di azzeccarci in pieno! :(

giast: la cosa sarebbe terribile. Israele è armata fino ai denti e ha anche l’atomica!
Non credo esista passo della bibbia che giustifichi ormai le loro mosse.

Commento di Düsseldorfer

Sottoscrivo in pieno quanto hai scritto.

Viva te!

Commento di balthazaar




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: