Friends For Free


Fascismo e cinema.
novembre 7, 2006, 1:26 pm
Filed under: Cinema, Cultura, Società

Mussolini sale al potere nel 1922 e da quel momento sa che per conformare il popolo italiano alle idee del regime necessita di una larga azione di propaganda.

Per lo scopo, uno dei mezzi da privilegiare per l’epoca è il cinema.
Nonostante il regime totalitario, il cinema del ventennio in oggetto gode di una larga autonomia, ben lontana dalla pressante censura presente nella Germania nazista. Il regime fascista tende a controllare solo, ma in maniera totale, i cinegiornali e i filmati di propaganda che vengono presentati sempre, prima e dopo, ad ogni proiezione nelle sale cinematografiche.

I film romantici o storici non toccano l’interesse di Mussolini che quindi permette ai grandi autori di quegli anni, come De Sica e Visconti, di poter fare il proprio lavoro in tutta tranquillità. Ovviamente questo genere cinematografico doveva rimanere strettamente nel suo ambito e non toccare sfere considerate di esclusiva competenza politica.

Nel 1923 nasce L’Unione Cinematografica Educativa (LUCE), società ancora attiva ai nostri giorni, con lo scopo di creare una vasta produzione di documentari e di cinegiornali. Quasi tutta la produzione LUCE degli anni venti ha lo scopo di offrire al pubblico, sia italiano che estero, una documentazione precisa delle imprese, e in particolare dei successi, dell’Italia fascista.
Il cinema di propaganda nasce subito dopo ma è negli anni trenta che assume una morfologia propria in confronto al cinema popolare. Ha lo scopo di portare una immagine forte dell’italia e della sua voglia di rivincita dopo l’uscita, seppur vittoriosa, dalla prima guerra mondiale che ha portato non poche migliaia di morti e una sorta di malcontento generale dovuto alle pessime condizioni di vita.
In questi anni il regno d’Italia tende ad espandersi e a diventare un’impero. Bisogna conquistare nuove terre dove mandare quella parte della popolazione che ancora non ha mezzi di sostentamento, in particolare terre da coltivare. Si parte per la conquista dell’Africa.

A questo scopo, un’opera cinematografica importante voluta dal regime prende vita nel 1937 ed è il famosissimo (anche oltre oceano) Scipione l’Africano di Carmine Gallone. Occorreva qualcosa per far nascere nella popolazione l’orgoglio patriottico e, in particolare, giustificare ed accettare le nascenti campagne d’Africa (discorso a parte per la Somalia in quanto già colonia Italiana dagli anni ottanta dell’ottocento e rimarrà tale fino al 1960) con le quali Mussolini voleva realizzare la sua utopia e ricreare l’impero Romano.
La trama è un fatto storico realmente accaduto: Con la sconfitta di Canne, il senato romano affida a Publio Cornelio Scipione la missione di sconfiggere Cartagine sulla terra africana. Ed è proprio in terra d’Africa (era importante esaltare questo particolare) che Scipione sconfigge Annibale, per la precisione a Zama.
Quello che il regime fascista brama è far rivivere alla nazione questa parte di storia dei suoi avi.

Ritornando ai documentari politico-propagandistici e analizzandoli, vediamo tra loro alcuni punti in comune molto importanti tipo la voce del narratore sempre fiera, scattante, con pochissime pause, rapida nella descrizione e delle immagini che scorrono veloci, in bianco e nero dove il contrasto con la luce è ricercato. Immagini nelle quali si vede sempre tutto lustro, pulito, rigorosamente in ordine. Guardandole fanno sembrare bella e divertente anche la guerra che tale non è. La parola Duce viene nominata più e più volte e le frasi sono scelte alla perfezione, il tutto macchinato per far salire l’orgoglio del popolo italico e così ottenere l’approvazione, non politica ma morale, fatto ancora più importante!

Un esempio di questo tipo di cortometraggi, anche se in chiave umoristica, è stato girato ai giorni nostri. Sotto la regia e la fantasia di Corrago Guzzanti e Igor Skofic, ha preso vita un film tratto da una serie di riprese create per la trasmissione Il caso Scafroglia. L’attenzione ai particolari è notevole. Girato in una cava vicino Roma, il film narra l’avventura del gerarca fascista Barbagli (nome probabilmente inventato …mah!) e dei suoi fidati camerati sull’ostile pianeta rosso (bolscevico e traditor), conquistato in nome dell’impero. Il manipolo d’eroi passa per grandi scoperte, avventure e incontri alieni in una saga che raggruppa circa una decina puntate.

Vi propongo qui di seguito la sigla iniziale.

Come si può notare le analogie sono molte.
Il pianeta Marte è brullo e ostile così come si era presentata l’Africa all’esercito Italiano, la musica della sigla, liberamente tratta dalla più famosa Faccetta Nera di Giuseppe Micheli fino ad arrivare all’ossessione nella devozione verso il duce che caratterizza tutti i personaggi dei cinegiornali dell’epoca.

Di seguito ho inserito il primo episodio. Oltre la comicità del pezzo, è interessante notare le caratteristiche dei personaggi, la musica di fondo (originale) e i movimenti degli attori sempre in atteggiamento marziale. Se non fosse un pezzo comico sembrerebbe a tutti gli effetti un filmato propagandistico dell’epoca. Ricordiamoci che il cinema era muto fino alla metà degli anni trenta quindi le scene, in non rare occasioni, venivano commentate dal vivo nella sala cinematografica e aggiunto il sottofondo musicale.

Il film è stato presentato al festival del cinema di Roma (RomaCinemaFest) dove è passato in sottotono quando, invece, secondo la critica e il pubblico, meritava più spazio. La data di uscita della pellicola è stata lo scorso 27 Ottobre, durata 100 minuti, film a colori.
Eventuale recensione, per chi fosse interessato, su Cinespettacolo e University.La scheda degli attori la trovate dopo il filmato.

Buona visione.

Cast tecnico e produzione
Regia: Corrado Guzzanti
Sceneggiatura: Corrado Guzzanti
Soggetto: Corrado Guzzanti

Personaggi e interpreti
Corrado Guzzanti: Barbagli
Pasqualen Petrolo: Pini
Andrea Blarzino: Santodio
Marco Marzocca: Freghieri
Andrea Purgatori: Fecchia
Andrea Salerno: Bruno Caorso

Advertisements

44 commenti so far
Lascia un commento

a me interessa molto, spero di trovarlo in qualche sala…

Commento di l'oste walter

sarebbe bello vederlo al cinema ma dubito fortemente che dalle mie parte ci sarà!

Commento di angioletto79

Adoro Corrado Guzzanti, di sicuro vedrò questo film, se non al cinema (dove vado poco per pigrizia) quando uscirà su dvd.
Chissà i fascisti come avrebbero ribattezzato dvd?

Commento di coneja

fikissimo!!! :o)
…gli americani (sembra) abbiano “farloccato” lo sbarco sulla Luna, noi siamo addirittura andati fin su Marte senza tute spaziali, senza bandiere … ma con un mezzo-busto!!!
Siamo Avanti :o) ih ih ih

Commento di slaymer

Bellissimo!!!Vincere vincere vincere..bisgna vincere e vinceremo…la musichetta è meravigliosa.Anche Barbagli che dice “me ne frego!”. Andrò a vederlo..deciso.

Commento di viola

Uh mon dieu! :o)

Commento di sonia

Eccomi, appena arrivato, fresco fresco di giornata! :)

Walter: Non so se lo distribuiranno nei cinema, almeno non in quelli commerciali dove fanno solo Robocop e caxxate simili. Forse in qualche cineforum lo trovi!

Angioletto79: Si, dubito anch’io che lo mettano in programmazione. E’ uno di quei film che attrae un tipo particolare di target e, purtroppo, la cultura cinematografica in Italia al 90% si limita alle americanate!

Coneja: Guzzanti è un genio della comicità intelligente e lo dimostra ogni volta.
Come lo avrebbero ribattezzato i fascisti? Credo che il titolo sia perfetto anche per loro. Nell’articolo do la mia opinione del perché …unica cosa lo avrebbero fatto meno comico! :)

Slaymer: in realtà la bandiera c’è! Nel primo episodio, all’inizio, la scena mentre piantano la bandiera fascista è stupenda; la bandiera cade tre volte e la voce di fondo dice “Marte si ribella all’inevitabile conquista”! :D
Comunque si, siamo moooolto più avanti degli americani, almeno a livello cinematografico. Facciamo capolavori senza dover per forza far saltare in aria nulla! :)

Viola: Barbagli è un mito! La canzone è tratta dalle parole di Mussolini quando da piazza Venezia incitava alla guerra. Aveva come motto vincere, vincere, vincere …e con quelle tre parole ci ha tapezzato anche un bel po’ di case! :)

Sonia: Bon jour! :D Je suis pa tou dieu ma merci boquet (non so il francese quindi l’ho scritto come lo pronuncio!) AHHAHAHA :D

Commento di Düsseldorfer

ma lo sapevi che gli americani hanno copiato la loro public diplomacy da Mussolini! i tedeschi anche lo hanno imitato! è stato il primo a rendersi conto delle potenzialità propagandistiche e manipolatorie dei mezzi di comunicazione!

Commento di anna

Ciao Anna! :)
Ebbene si, ho letto qualcosa in proposito. Il governo americano sta usando tuttora tecniche di comunicazione Mussoliniane, in particolare l’amministrazione Bush!
I tedeschi lo hanno imitato ma hanno fatto le cose più in grande, avevano più mezzi e la loro censura era totale. Ancora oggi in germania vige una censura altissima.
Per costituzione, dopo l’esperienza nazista, la televisione deve avere scopo educativo quindi segano via tutto quello che ritengono parassita per la mente! Pensa che fino a qualche hanno fa in Germania Qui, Quo e Qua erano vietati perché non rispettavano il principio di famiglia! …le tre paperelle non esistevano! :)

Commento di Düsseldorfer

seeee! incredibile! non lo sapevo! qui quo qua erano i miei preferiti, sempre dopo paperone! ma anche lui sarà censurato in Germania…è ancora scapolo e contento :) !!

Commento di anna

Io Guzzanti lo adoro, lo trovo geniale. Esilarante la parte iniziale: “E grazie al…”! :D
Purtroppo il film non lo posso vedere, ma mi consolo con i filmati sul Tubo.
Bellissimo post, Düss.
Bacio

Commento di eulinx

ahi ahi ahi! Mussoli creò i Fasci di combattimento qui a MI nel 1921 e la Marcia su Roma avvenne nell’ottobre del 1922. L’omicidio Matteotti fu del giugno 1924.

Che intendi quindi per “Mussolini sale al potere nel 1922 e da quel momento…”? Domanda pignola ma per amore di verità storica.

Commento di Boh/orientalia4all.net

Da noi purtroppo i cinema non lofanno vedere…e dire che conosco un sacco di persone che come me sarebbe interessato. Uff! :)
Se chiedo consiglio alla Whirpol? :)

Commento di astralla

Anna: Ebbene si! ma ora non più, mi sembra fino a una decina di anni fa fossero censurati!
Paperone hanno tentato di censurarlo insieme a me in quanto zitelli notevolmente convinti! :)

Eulinx: AHHAHAHA :D quella scritta è fantastica. Ci ho riso su per mezzz’ora! :)
Non ti preoccupare, ti mandiamo il DVD appena esce!

Boh: Ciao! La mia orientalista preferita!:)
Dunque, vediamo un po’ se riesco a passare l’esame di storia …dunque …posso andare in bagno? … :D

Io non sono uno storico anche se ho dato qualche esame, pittosto pesantino, di storia contemporanea all’università …più per diletto che per necessità.

Se non erro, per precisione storica:
Mussolini nasce 29 luglio 1883 in provincia di Forlì (non ricordo il nome del paese e non ho tempo di cercarlo), è figlio di una maestra elementare, tale Rosina Maltoni, e di un anarchico (o perlomeno simpatizzante).

Nel 1901 emigra in Svizzera per evitare il servizio militare obbligatorio (chi era più alto del Re era obligato alla leva e visto che il re era una pertica di ben un metro e cinquanta, il militare lo facevano anche i gatti).

Rientra in Italia nel 1904/1905 e trova impiego come giornalista per una rivista socialista in trentino (all’epoca sotto dominio austriaco).

Nel 1914 diventa direttore dell’Avanti (rivista che prende il nome dall’ominima testata tedesca ma non so come si scrive), verso la fine dello stesso anno viene espulso dal partito socialista.

…altro non ricordo

Arriviamo al punto cruciale
Nel Marzo 1919 fonda i Fasci italiani di combattimento ma viene duramente sconfitto alle elezioni. Ricordo che ha preso circa 70 mila voti contro i quasi 200 mila degli avversari

Nel 1921 diventa deputato grazie all’appoggio dei contadini e dei ceti medi del paese. Non ha potere politico inteso come tale.

Nel 1922, con la marcia su Roma, mussolini sale definitivamente al potere diventando capo del governo.

Dopo il delitto Matteotti, tra il 1924 o 1925 (non ricordo la data precisa) Mussolini scioglie tutti i partiti politici e i sindacati sopprimendo di fatto le libertà democratiche (ma lui era già al potere!).

Rimane al potere fino al 25 Luglio del 1943 giorno in cui viene arrestato e incarcerato al Gran Sasso (poi Hitler cercherà di liberarlo, repubblica di Salo, ecc. ecc)

Com’è andata? :) …Il voto sul libretto grazie!

Astralla: Credo che uscirà presto in DVD!
Vuoi chiedere consiglio alla Whirpool? Si, buona idea. Lei di film ne ha centrifugati parecchi! AHHAHA :D (faccio le battute e rido da solo …non è normale)

Commento di Düsseldorfer

Ognuno i suoi crucci… ;) a te la fissa della Whirpool! ;) a me..chissà?!:D

Commento di astralla

AHAHAHHA che ci vuoi fare? …in mancanza di meglio! :P

Commento di Düsseldorfer

all’anteo di milano c’è! …ma si sa: sono dei comunistoni! :-D vediamo se riesco a trovare il tempo per andarlo a vedere ora…

Commento di l'oste Walter

@DUSS: Voto 6+ .. in quanto Google ti ha suggerito dal fondo del banco!!! :O))))
domanda:”..ma secondo te, TimBurton in -MarsAttack- ha voluto rispondere a questa opera cinematografica?” … ;o)

Commento di slaymer

Walter: Se vai mi fai sapere com’è? Gli episodi erano uno spettacolo ma so che nel film li ha rivisti completamente!

Slaymer: non dirlo alla maestra! :)
In realtà, non per banfare, ma quelle sono le uniche cose che ricordo dell’esame di storia contemporanea. Il fascismo e un po’ sul trattato di Vienna …per il resto tabula rasa ormai! :|

Commento di Düsseldorfer

hai ragione li fonda (i Fasci) nel 1919. Matteotti viene ucciso nel 1924. Voto: le va bene 29?:)

Dicevo che intendi per “sale al potere” quindi? Gli storici seri (non come noi:)) come Perfetti dicono che la sua ascesa dura quasi 10 anni, e poi comincia il Regime vero e proprio.

Boh-la-pignola

Commento di Boh/orientalia4all.net

Oddio, questa è una bella domanda! :|

In realtà non saprei.
Mi appoggio all’opinione di alcuni storici (in particolare a quelli che hanno scritto i miei testi universitari) che dicono (almeno credo di aver capito così, ma tu oggi mi stai mettendo il dubbio) che la data di inizio del potere fascista di mussolini è quando viene eletto a capo del governo.

Vero è anche che il fascismo delle origini è ben diverso da quello che lo ha condotto alla fine quindi, se per potere intendiamo la forma di dittatura totale ed incline ad uno stato guerrafondaio allora si, direi che la data nella quale sale al potere è all’incirca nella metà degli anni trenta!

…adesso mi tocca andare a rileggere tutto! :(

Comunque 29 va benissimo! Accetto! :P

Commento di Düsseldorfer

Io pensavo a un nome aulico e italico per l’acronimo “DVD”…ma ho il neurone fuso e non mi viene in mente nulla…
Con chi l’hai dato l’esame di storia contemporanea? Magari lo conosco! :)
Secondo me, dite la stessa cosa negli ultimi due post, però bisogna mettersi d’accordo se Mussolini “sale al potere” quando è eletto capo del governo (in modo legale) o quando inizia la fase della dittatura vera e propria.

Commento di coneja

allora correggo il voto e le dò … le dò … le dò … boh! Ma adesso i voti come sono?!? un ottimo/discreto+ può andare bene?!?? :o&

Commento di slaymer

Coneja: Nome aulico per DVD? …Dando Volendo Dicendo (vincere, vincere, vincere non ci stava)! :)
Ogni storico dice la sua versione dei fatti. Se poi calcoli che al governo qualcuno voleva addirittura riscriverla la storia! :|

Slaymer: Ok, voto accettato! :D

Commento di Düsseldorfer

Visto il film a Roma alla festa del cinema assieme a due addetti ai lavori. Uno era entusiasta, l’altro schifato. Io una via di mezzo.
Il film ha una grossa pecca: la durata. Un cortometraggio sarebbe stato più che sufficiente per far passare il messaggio di Guzzanti e per non annoiare il pubblico.

Commento di D.

Guzzanti è fortissimo e io me lo ricordo ai tempi di “quelo” o del poeta Robertetti ed era fortissimo. Più recentemente l’imitazione di Tremonti è esilarante; ottima scelta!
Sul film (e in particolare sul gerarca Barbagli): Adesso a vedere questi atteggiamenti si ride e si sorride, putroppo 80 anni fa queste posture e questo fanatismo facevano davvero paura…

Commento di Pier

Guzzanti è fortissimo e io me lo ricordo ai tempi di “quelo” o del poeta Robertetti ed era fortissimo. Più recentemente l’imitazione di Tremonti è esilarante; ottima scelta!
Sul film (e in particolare sul gerarca Barbagli): Adesso a vedere questi atteggiamenti si ride e si sorride, putroppo 60/70 anni fa queste posture e questo fanatismo facevano davvero paura…

Commento di Pier

D: Quindi sei una delle poche che è riuscito a vederlo! Io non ho ancora trovato una sala che lo propone a Torino! Quindi dici che dopo un po’ è stufante? …immagino che sia ripetitivo in molti punti!

Pier: Quelo era un mito!!! :D ricordo una cosa che mi fa ridere ancora oggi: “c’è vita nell’universo” Quelo: “no …solo un po’ il sabato sera!” AHAHAHHA :D
Vero. Infatti quello che volevo esaltare nel post è il fatto che questi filmati sono una copia pressoché perfetta dei cinegiornali dell’epoca! :)

Commento di Düsseldorfer

Notai che quale Romano aratro che colonizza araldici popoli d’oltremare, vi apprestaste ad ardua e perigliosa spedizione nel blogghigo territorio di una cuoca dal cui appellativo “rossa” non vi lasciaste spaventare!
Onore al merito al camerata duss!
;-PPPP grazie per la visita e il link!

Commento di LaCuocaRossa

Conquistar il blogghino rosso (bolscevico e traditor) è nostro fine, e se ancor li si mangia benvenga qualsivoglia color! :D

Grazie a te, sei simpaticissima! :)

Commento di Düsseldorfer

forse non hai ancora trovato la donna giusta che ti disconvinca alla zitellaggine! :)
finchè c’è vita c’è speranza: cerca meglio!
oppure regalale un diamante…sarà per sempre! scherzo!

Commento di anna

Io godo come un riccio nel mio status di Single! :)
…però devo dire che fare l’uomo UV (no sentimental complications) non mi dispiace affatto!!! :D
…ma la pubblicità non diceva: Un lampione è per sempre?

Commento di Düsseldorfer

Salve salvino, vicino vicinino! (Mi sento un po’ Flanders stamattina)
Buon weekend. :)

Commento di eulinx

allora facciamo così…un UV è per sempre!
magari ad avercelo tutte! nessuna stresserebbe più il partner concordo! :)

Commento di anna

Io l’ho sempre detto che le cicogne sui lampioni hanno capito tutto, vero Duss? ;)

Commento di astralla

Ne ho sentito parlare, lo scaricherò presto, sembra simpatico.

Commento di mad riot

OT:
E’ arrivata finalmente ..
:)

Commento di Beppone

Eulinx: Buon fine settimana anche a te mia cara! :) …mi piaci in versione Flanders! :D

Anna: …tutte lo vogliono ma io rimago sempre disoccupato! :(

Astralla: Le cicogne sono animali intelligenti! :D

Mad Riot: Ciao Mad! Belle cose, fammi sapere se lo trovi in giro, io non l’hoo ancora trovato!

Beppone: ALEEEEEEEEE!!!! Tantissssimissssimi auguroni amico Beppone! :P

Commento di Düsseldorfer

Slap On Tracker

Fascismo e cinema. | Friends For Free

Trackback di Slap On Tracker

GPS

Fascismo e cinema. | Friends For Free

Trackback di GPS

Saleh Stevens

Fascismo e cinema. | Friends For Free

Trackback di Saleh Stevens

Ian Leaf Tax

Fascismo e cinema. | Friends For Free

Trackback di Ian Leaf Tax

Createurs de Luxe

Fascismo e cinema. | Friends For Free

Trackback di Createurs de Luxe

Right away I am ready to do my breakfast, when having my breakfast coming again to read
further news.

Commento di grim-kitten.com




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: